• 800-661804
  • info@forestlegnami.it

Tetti in legno, isolati e ventilati

il nostro ufficio commerciale è a tua disposizione

Richiedi un preventivo PERSONALIZZATO

Per avere un preventivo di un tetto in legno o di fornitura:

Contattaci al Telefono

Tramite un nostro consulente sarai guidato nella
realizzazione di un preventivo ad hoc.

Numero Verde 800661804

Contattaci tramite Mail

Ti preghiamo di compilare tutti i dati obbligatori contrassegnati da un asterisco*.

La scelta del materiale: legno lamellare o castagno

Il primo elemento utile alla realizzazione di un preventivo di un tetto in legno è sapere quale materiale si vuole utilizzare, in genere la scelta ricade su due tipi: il legno lamellare ed il legno di castagno.

Tetto in legno lamellare

Il legno lamellare offre la possibilità di creare tetti di grandi dimensioni come piscine, palestre ed altre strutture, tetti di medie dimensioni per abitazioni o attività ricettive anche piccole strutture come tettoie carport e gazebi, inoltre è possibile creare anche strutture curve. Un tetto in legno lamellare non è soggetto ad alterazioni nel tempo, e può essere impregnato in varie colorazioni come: Castagno, Noce chiaro, Noce Biondo, Teak, Bianco, Trasparente.

Un tetto in legno lamellare offre a qualsiasi struttura eleganza e raffinatezza garantendo a tutto lo stabile una maggiore rivendibilità nel tempo essendo considerato un elemento di pregio.

Un tetto in legno oltre alla sua bellezza estetica viene considerato come miglioria in quanto offre un risparmio energetico per il suo comportamento nelle due stagioni più critiche, in particolare:

  • In inverno offre una minore dispersione di calore, quindi l’uso di riscaldamenti viene limitato
  • In estate la coibentazione unita ad una ottima trasmittanza (la trasmittanza misura la quantità di potenza termica scambiata da un materiale o un corpo per unità di superficie e unità di differenza di temperatura) offre una temperatura più “fresca” all’interno dello stabile, limitando l’uso di condizionatori.

La manutenzione di un tetto in legno lamellare è molto semplice basterà infatti ogni 4/5 anni passare 1 mano di impregnate della colorazione scelta inizialmente (prima di passare l’impregnante è consigliato pulire con un panno umido la struttura per eliminare eventuali residui e fare in modo che l’impregnante attecchisca).

Tetto in legno di castagno

Il legno di castagno a differenza, del legno lamellare, è composto da tronchi unici in genere viene utilizzato per conferire alla struttura sottostante un tocco “rustico” ed adatto per tutte le strutture di medie e piccole dimensioni, dall’abitazione alla struttura ricettiva dal gazebo alla tettoia. Una peculiarità del tetto in legno di castagno è quella che essere un legno “vivo” soggetto ad alterazioni e crepe nel tempo. Sia le alterazioni (imbarcature o flessioni) sia le crepe non vanno ad intaccare la resistenza strutturale del tetto, in quanto correttamente progettato da un ufficio di progettazione di tetti in legno.

La manutenzione di un tetto in castagno non richiede particolari attenzioni, nel caso in cui si fosse utilizzata una colorazione scura ogni 4/5 anni si consiglia di passare 1 mano (nel caso si voglia un colore più scuro anche 2 mani) di impregnante nelle zone a vista del legno (prima di passare l’impregnante è consigliato pulire con un panno umido la strutture per eliminare eventuali residui e fare in modo che l’impregnante attecchisca).

Il tetto in legno di castagno nel tempo può rilasciare il Tannino che è composti polifenolici comuni nelle piante vascolari, questa sostanza la si vede fuoriuscire direttamente dalla trave ed in certi casi può arrivare anche a “colare”. È una sostanza che macchia il tetto ed anche gli oggetti sottostanti, esiste però un prodotto specifico chiamato “smacchia tannino” che serve per l’appunto a “smacchiare” gli oggetti da questa sostanza.

Un tetto in legno di castagno è considerato quasi un bene di lusso, dovuto al fatto che il costo della materia prima è più elevato rispetto ad esempio al legno lamellare, in termini di risparmio energetico valgono le stesse osservazioni fatte in precedenza per il tetto in legno lamellare.

Elementi necessari al preventivo

Per ricevere un preventivo di un tetto in legno è necessario far realizzare da un architetto, ingegnere o progettista il disegno della struttura, in genere il disegno realizzato viene consegnato in formato DWG.

Non hai un disegno del tetto?
Contatta un nostro consulente

Se invece si ha già un disegno di massima, insieme ad un consulente dedicato si possono affrontare tutti gli elementi che andranno a determinare il prezzo del tetto:

Comune del cantiere
Altezza sul livello del mare
Tipo di zona climatica e sismica
Deve essere realizzata la progettazione strutturale?
Deve essere realizzata la progettazione strutturale con la firma di un ingegnere abilito e consegna di tutte le pratiche al genio civile?
Deve essere fatto un rilievo in cantiere per una maggiore certezza delle misure?
Che tipo di pendenza deve avere il tetto?(si consiglia non meno del 30%)
Di quante falde è composto il tetto?
È un tetto curvo?
Ci sono degli abbaini che devono essere predisposti?
Ci sono delle capriate? Quante?
Dimensioni delle travi?
Tipologia di tavolato, OSB o castagno?
Devono essere previste delle pianelle?
Ordatura?
Tipo di colorazione?
Non sai come reperire queste informazioni?
Contatta un nostro consulente

Pacchetti di coibentazione e finiture

Un tetto in legno può essere di due tipi ventilato o isolato il primo ha un costo leggermente superiore rispetto al primo, tutti e due vanno bene per la realizzazione di tetti residenziali ma per il tetto ventilato la pendenza deve essere almeno del 30%.

Il tetto isolato è consigliato per le civili abitazioni e può essere usato anche per ampliamenti o piccole coperture, il tetto ventilato è consigliato invece per strutture esposte a grandi temperature e può essere usato su strutture di medie dimensioni, ma non è indicato per strutture di piccole dimensioni o per ampliamenti dove la struttura iniziale non sia ventilata.

Stratigrafia tetto in legno isolato

Un tetto in legno isolato è composto da:

  • Struttura in legno
  • Perlinato
  • Telo freno vapore
  • Isolante
  • Listelli
  • Tavolato OSB
  • Guaina ardesiata
  • Tegola
  • Gronda
  • Scossalina



Dettagli tetto isolato

Stratigrafia tetto in legno ventilato

Un tetto in legno ventilato è composto da:

  • Struttura in legno
  • Perlinato
  • Telo freno vapore
  • Isolante
  • Listelli
  • Tavolato OSB
  • Telo impermeabile ad alta traspirabilità
  • Listello di ventilazione + controlistello
  • Pettine anti uccelli
  • Rete para insetti
  • Tegola
  • Gronda
  • Scossalina

Dettagli tetto ventilato

Finiture per tetto in legno

Le finiture di un tetto in legno riguardano le tipologie di isolanti, le guaine, il manto di coperture e la lattoneria.

Isolanti tetti in legno e guaine

Il legno lamellare offre la possibilità di creare tetti di grandi dimensioni come piscine, palestre ed altre strutture, tetti di medie dimensioni per abitazioni o attività ricettive anche piccole strutture come tettoie carport e gazebi, inoltre è possibile creare anche strutture curve. Un tetto in legno lamellare non è soggetto ad alterazioni nel tempo, e può essere impregnato in varie colorazioni come: Castagno, Noce chiaro, Noce Biondo, Teak, Bianco, Trasparente.

Un tetto in legno lamellare offre a qualsiasi struttura eleganza e raffinatezza garantendo a tutto lo stabile una maggiore rivendibilità nel tempo essendo considerato un elemento di pregio.

Un tetto in legno oltre alla sua bellezza estetica viene considerato come miglioria in quanto offre un risparmio energetico per il suo comportamento nelle due stagioni più critiche, in particolare:

  • In inverno offre una minore dispersione di calore, quindi l’uso di riscaldamenti viene limitato
  • In estate la coibentazione unita ad una ottima trasmittanza (la trasmittanza misura la quantità di potenza termica scambiata da un materiale o un corpo per unità di superficie e unità di differenza di temperatura) offre una temperatura più “fresca” all’interno dello stabile, limitando l’uso di condizionatori.

La manutenzione di un tetto in legno lamellare è molto semplice basterà infatti ogni 4/5 anni passare 1 mano di impregnate della colorazione scelta inizialmente (prima di passare l’impregnante è consigliato pulire con un panno umido la struttura per eliminare eventuali residui e fare in modo che l’impregnante attecchisca).

Lattoneria tetto in legno

La lattoneria è l’ultimo elemento di finitura del tetto che riguarda scossaline, gronde e discendenti che possono essere in genere di due tipi:

  1. In rame (più costoso ma esteticamente di pregio)
  2. In alluminio in varie colorazioni, in genere color rame (o varie colorazioni)
Manti di coperture per tetti in legno

La scelta del manto di copertura di un tetto in legno deve essere fatta valutando, la dimensione della struttura la tipologia ovvero se isolato o ventilato e il budget a disposizione. In genere nelle abitazioni si consiglia l’uso di tegole portoghesi (in cotto o laterizio) mentre per le piccole strutture come carport e gazebi si consiglia la tegola canadese (è comunque possibile scegliere la tipologia di tegola in base al proprio gusto o alle strutture vicine per una maggiore estetica globale).

Le tipologie di manti di coperture più usati sono:

  • Tegola portoghese
  • Coppo e pianella
  • Coppo e controcoppo
  • Tegole in cemento
  • Tegola canasede
  • Tegomomt
  • Riverclack (ideale per capannoni industriali)

Sei soddisfatto delle informazioni ricevute?

Vuoi parlare con un nostro referente per la realizzazione del tuo tetto in legno?

logo-forest-bianco-200Via Empolitana km. 6,400
00024 Castel Madama - RM
Tel.  0774 449263
Fax. 0774 440959
info@forestlegnami.it

Visitate il nostro showroom nei seguenti orari:
Lunedì - Venerdì 08:30 / 13:00 - 14:30 / 18:00
Per rendere migliore il nostro servizio vi consigliamo di fissare un appuntamento.

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere sconti, news e promozioni!

Richiedi un appuntamento

Questo sito utilizza cookie, anche di profilazione di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa. Proseguendo la navigazione acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.